pelvicfloor-tipo-articoli-faqSoffro da qualche anno di incontinenza urinaria e la mia ginecologa, dopo aver identificato che si tratta della forma così detta “da sforzo o da stress”, mi ha consigliato di fare la fisioterapia del pavimento pelvico. Quanto tempo ci vuole per avere i risultati? Quante sedute dovrò fare?

 

In generale i primi risultati possono già essere presenti anche dopo solo due o tre sedute, ma è utile proseguire la terapia fino alla fine per ottenere i migliori risultati possibili, in riferimento anche al mantenimento di questi una volta che la fisioterapia sarà terminata. Infatti è necessario sia rinforzare il muscolo (e per questo servono più settimane), sia apprendere ed automatizzare alcune azioni della vita quotidiana in relazione all’attività del pavimento pelvico, così da evitare gli episodi di  incontinenza.

All’inizio del ciclo terapeutico le sedute vengono solitamente effettuate con cadenza settimanale; appena si presentano i primi miglioramenti la cadenza può diventare quindicinale, per passare poi a sedute ogni 20-30 giorni, utili per verificare che gli automatismi descritti sopra siano stati appresi e vengano utilizzati. In quel momento la terapia può considerarsi conclusa. In media tutto ciò avviene nell’arco di circa 2-3 mesi, ricordando che ogni paziente rappresenta un caso a sé.