Vengono usati molto frequentemente nel sesso femminile, anche per piccole perdite di urina.

La scelta dell’ausilio da utilizzare, azione apparentemente banale, riveste invece notevole importanza per la qualità di vita di ogni paziente: l’utilizzo di un assorbente con un grado di assorbenza superiore alle reali necessità (e quindi più grosso), può essere meno confortevole di un ausilio con un grado di assorbenza corretto (e quindi più fino).

E’ utile pertanto che la donna:

  • utilizzi prodotti adeguati (assorbenti per l’incontinenza e non per il ciclo mestruale);
  • conosca i prodotti presenti sul mercato per poter scegliere quello più adatto alla sua condizione.

Al termine della terapia riabilitativa, molte pazienti, grazie ai miglioramenti ottenuti, sospendono l’utilizzo dell’ausilio assorbente, oppure ne riducano l’uso (es.: solo quando escono di casa senza avere un bagno a disposizione), oppure modificano il prodotto utilizzato ottenendo così un miglioramento della loro qualità di vita.