Le disfunzioni sessuali consistono nella difficoltà o impossibilità ad avere rapporti sessuali, e/o nella mancata soddisfazione durante questi, e/o nel dolore che può accompagnare tali momenti. Essi possono riguardare sia il sesso femminile che quello maschile.

Per le disfunzioni sessuali femminili il pavimento pelvico può essere causa o conseguenza di queste, oppure essere uno degli elementi che mantiene questa complessa disfunzione.

Lo schema sottostante illustra l’influenza della zona relativamente alle disfunzioni sessuali femminili.

Nella donna esse sono classificate in:

  • disturbi del desiderio. Sono correlati al pavimento pelvico i disturbi da desiderio ipoattivo, presente sia quando tale zona è ipovalida (come nel post partum), poiché ridotte possono essere le sensazioni di piacere, sia quando esso è iperattivo (come nella sindrome del dolore pelvico cronico), quando il dolore presente inibisce il desiderio di avere rapporti sessuali;
  • disturbi dell’eccitazione. Il riferimento in questa sede è relativo alla mancanza o scarsa lubrificazione vaginale; essa può essere conseguente ad uno stato di ipovalidità del pavimento pelvico (con diminuzione delle sensazioni di piacere) o ad una iperattività (a cui può conseguire dolore);
  • disturbi dell’orgasmo. Essi possono verificarsi quando il pavimento pelvico ipoattivo determina una riduzione delle sensazioni in questa fase, oppure quando la sua iperattività determina dolore che impedisce alla donna di raggiungere l’orgasmo, oppure quando la donna già soffre di incontinenza urinaria (da sforzo o da urgenza) e l’eventualità che questo sintomo si presenti durante i rapporti inibisce questo evento;
  • disturbi caratterizzate da dolore.

I disturbi che sono caratterizzati da dolore sono: vaginismo e dispareunia.

  • Il vaginismo è la difficoltà o impossibilità della donna di realizzare la penetrazione, anche in presenza di desiderio; può essere primario (la donna non è mai riuscita a realizzare la penetrazione) oppure secondaria (si presenta ad un certo punto della vita, conseguentemente  ad un evento, come il dolore dovuto a stato infiammatorio).
  • La dispareunia consiste nel dolore genitale persistente o ricorrente che si verifica ai tentativi di penetrazione vaginale o durante la penetrazione vaginale  stessa.

Nell’uomo le disfunzioni sessuali maschili e il coinvolgimento del pavimento pelvico può altresì essere causa, conseguenza o sostenere i sintomi. Una condizione di ipotono muscolare può contribuire ad una riduzione dell’erezione o ad uno scarso controllo dell’eiaculazione con conseguente eiaculazione precoce. L’ipertono muscolare del pavimento pelvico può avere come conseguenza una eiaculazione ritardata (a causa della difficoltà di esplusione dello sperma) oppure un deficit erettile (dovuto ad una sofferenza dei tessuti e dei vasi sanguigni coinvolti nel meccanismo dell’erezione).

In ogni caso di disfunzione sessuale è importante considerare e valutare le possibili cause organiche (tra le quali è compresa la disfunzione del pavimento pelvico) e la possibile componente psico-relazionale. Talvolta entrambi gli aspetti possono coesistere.